Santa Massenza

Piccolo e pittoresco borgo di 148 abitanti, in un angolo tranquillo e incantevole, porta un nome ricco di storia, S. Massenza.
A pochi chilometri da Trento, a due passi dal lago di Toblino, sulle sponde del lago che prende il nome dalla Santa madre di S. Vigilio (patrono di Trento), questa località vive e rivive, quasi appartata in una cornice di idillica poesia, conservata quasi miracolosamente per un prodigio che la natura ha voluto compiere.

A Santa Massenza si respira un clima dolce, la gente si ritrova ancora a dimensione d'uomo, il lavoro non conosce catene di montaggio e stress. Ogni casa, ogni vecchio porticato, ogni angolo panoramico parla in maniera tutta caratteristica e offre tutt'oggi un angolo di relax unico e straordinario accompagnato da una cordialità che il carattere della gente evidenzia nella singola e collettiva ospitalità. Da qualche tempo l’Associazione Culturale “Santa Massenza, piccola Nizza de Trent” si è assunta il compito di far rivivere il luminoso passato di Santa Massenza, la mostra permanente, allestita nella ex canonica, consente un viaggio a ritroso nella memoria del paese. Foto, video, attrezzi, cimeli. Una conca tra acqua, terra e montagna che mantiene il suo fascino originario, nonostante il grandioso impianto di produzione elettrica dell’Enel.

Appuntamenti fissi della locale Pro Loco sono la festa dei pesati, la prima domenica di maggio, con la proposta di polenta e pesciolini fritti preparati in piazza per paesani e turisti, e la mostra dei funghi, la prima domenica di ottobre.